Mediexplorer
Neurologia
OncologiaMedica.net

Repatha nel trattamento dell’ipercolesterolemia nei pazienti ad alto rischio


Repatha ( Evolocumab ) per il trattamento dell'ipercolesterolemia è stato approvato dall’AIFA e inserito nel prontuario terapeutico del servizio sanitario nazionale ( SSN ).

Evolocumab è un anticorpo monoclonale completamente umano diretto contro PCSK9, una proteina coinvolta nella regolazione dei recettori per il colesterolo LDL. PCSK9 si lega ai recettori del colesterolo sulla superficie delle cellule epatiche e fa in modo che tali recettori siano assorbiti e scissi all’interno delle cellule. Questi recettori controllano i livelli ematici di colesterolo, in particolare del colesterolo LDL, rimuovendolo dal flusso sanguigno. Legandosi a PCSK9 e bloccandolo, Evolocumab impedisce la scissione dei recettori all’interno delle cellule e quindi aumenta il numero di recettori presenti sulla superficie cellulare, dove possono legarsi al colesterolo LDL e rimuoverlo dal flusso sanguigno. Ciò contribuisce a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

Evolocumab può essere somministrato anche in associazione alle statine e/o a Ezetimibe.

L’impiego di Evolocumab è riservato ai pazienti ad alto o a rischio molto alto, che non raggiungono il target con le attuali terapie ipocolesterolemizzanti, ma anche per i soggetti intolleranti alle statine, oltre ai pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote e omozigote.

Repatha è disponibile sotto forma di soluzione iniettabile in siringa pre-riempita o in penna pre-riempita ( 140 mg ). L’iniezione viene effettuata sotto la pelle dell’addome, della coscia o della parte superiore dell'omero.
La dose raccomandata per gli adulti con malattia primaria è di 140 mg ogni due settimane o 420 mg ( il contenuto di tre siringhe pre-riempite ) una volta al mese.
Per gli adulti e i bambini di età pari o superiore a 12 anni affetti da ipercolesterolemia familiare omozigote, la dose iniziale raccomandata è di 420 mg una volta al mese. Se dopo 12 settimane di trattamento non è stata ottenuta la risposta desiderata, la dose può essere aumentata fino a 420 mg ogni due settimane.
Il paziente può praticarsi l’iniezione di Repatha da solo previa adeguata formazione.
L'importanza di un adeguato controllo del colesterolo LDL emerge anche dagli studi clinici condotti nella fase di sviluppo di Evolocumab.
Grazie alla riduzione del colesterolo LDL indotta dall’anticorpo monoclonale, è possibile ottenere una regressione delle placche all'interno delle coronarie.

Lo studio FOURIER ( Further Cardiovascular Outcomes Research with PCSK9 Inhibition in Subjects with Elevated Risk ), che ha verificato l'impatto della terapia con Evolocumab; rispetto alla sola terapia con statine l'associazione Evolocumab più statine è migliore in termini di prevenzione degli eventi cardiovascolari. ( Xagena )

Fonte: Amgen, 2017

XagenaHeadlines2017



Indietro